Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

Teatro, un dibattito a 360 gradi

1 comment

Nelle scorse settimane il dibattito sulla critica teatrale lanciato sul nostro blog; nei giorni scorsi quello dedicato al teatro più in generale, svoltosi al teatro sullo Stretto, che ha visto coinvolti i gruppi reggini e gli addetti ai lavori; e ancora, la proposta lanciata da Gianfranco Berardi, di valorizzare le realtà esistenti, come Spazioteatro, con una raccolta di firme da lanciare proprio da queste pagine; e poi gli interventi dei teatranti reggini che in questi mesi hanno riacceso i riflettori sul tema.

Tanti gli argomenti sul tappeto: la questione degli spazi teatrali; il fare rete, necessario non solo per la città di Reggio, ma in generale per il teatro in Italia; il sostegno e la valorizzazione delle compagnie esistenti che operano in città e che hanno un ruolo importante per la crescita culturale. Con il loro apporto, il panorama cittadino e regionale ha la possibilità di allargarsi. E di offrire anche laboratori, attività didattiche, in un’ottica più complessiva e più completa del “fare teatro”.

Su questi punti si articola il dibattito, ma uno degli obiettivi principali, sempre più spesso citato, è proprio quello di fare rete, di creare una sinergia tra le realtà esistenti.

Ecco, dunque: partendo da questi temi, dai dibattiti che si sono sviluppati, dalle proposte, l’idea è di rilanciare questi argomenti, di aprire un dialogo, un confronto a 360 gradi sul teatro, quello reggino e non solo. Lo spazio è aperto!

  1. Ciao.
    Vorrei ringraziare Paola che con il suo post riapre il dibattito sul “fare teatro” a Reggio e ne approfitto per aggiungere un tema: la politica culturale degli enti pubblici.
    Ovviamente mi riferisco alla necessità che gli interventi delle amministrazioni si inquadrino in un’idea complessiva che persegua degli obiettivi: la crescita culturale e civile del cittadino e la valorizzazione delle realtà operanti sul territorio.
    E lancio una proposta. Presto andremo a votare per l’elezione della nuova amministrazione comunale, possiamo provare a chiedere ai candidati alla carica di sindaco di far conoscere le iniziative che intenderebbero attuare se fossero realmente eletti?
    ciao
    Basilio Musolino

Rispondi

*