Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

Prosegue la rassegna “Ricrii 15″

0 comments

26239529_1548205751929446_6986004835586372017_nProsegue Ricrii 15, rassegna di teatro contemporaneo a cura della Compagnia Teatrale Scenari Visibili, al Tip Teatro Circolo Culturale di Lamezia Terme.

Sabato 27 gennaio, alle 21.00, il quinto appuntamento della rassegna, “My Place. Il corpo e la casa”, un progetto di Quieora Residenza Teatrale di Milano, finalista al Premio In-Box 2017. Lo spazio è a posti limitati.

La regia è di Silvia Gribaudi, protagoniste Francesca Albanese, Silvia Baldini e Laura Valli.

“In scena tre corpi nudi – o meglio in biancheria intima – volutamente messi in evidenza: masse corporee vive e non censurate, vere, oneste e ben diverse da quelle che ancora oggi siamo abituati a vedere in mostra sui giornali, su internet, in televisione. Tre donne non più giovani ma non ancora vecchie, certamente non perfette. Ma belle. Perché autentiche. E disposte, in uno show surreale, ad offrirsi al pubblico per quello che sono, corpi senza casa né spazio, sfrattate dal proprio io, lanciate a inseguire, divorare e moltiplicare le proprie ombre. Con passo leggero e sguardo ironico e tragicomico sul femminile.

Il corpo – casa è l’immaginario intorno a cui si sviluppa il lavoro di scena, da quel luogo le attrici partono per svelare momenti di fragilità e di bellezza, per restituire spaccati di intimità, per disvelare un posto segreto, un luogo fisico o uno spazio dentro di noi, comunque territorio della visione. Poche parole, quadri visivi, corpi in movimento. Un racconto fisico che va a indagare i luoghi dell’intimo.

MY PLACE segna l’occasione di mettere a confronto due poetiche diverse e affini. Due sguardi sul femminile. Si incontrano la ricerca di un movimento che nasce da corpi non convenzionali e la sperimentazione sulla drammaturgia autografa, lo sguardo ironico e l’indagine sul contemporaneo. Le attrici autrici di Qui e Ora prestano corpo alle visioni di Silvia Gribaudi e offrono a loro volta alla coreografa e performer un immaginario contemporaneo con cui mettersi a confronto”.

Rispondi

*