Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

Presentato il nuovo libro della scrittrice e disegnatrice Cetty Costa

0 comments

117655873_681164089277650_5381643540299770329_nQualche sera fa si è svolta al Lido Pepy’s la presentazione del nuovo libro della scrittrice e disegnatrice reggina Cetty Costa, “Vivere di.versi” (Sabbiarossa Edizioni). Il libro è la seconda prova letteraria dell’autrice, e fa seguito – a distanza di tre anni – al romanzo “Il mio sesso viola”, molto apprezzato a livello locale e non solo. La serata è stata aperta dalla cantautrice reggina Tiziana Serraino, la quale ha eseguito, chitarra e voce, il brano “Sei e ci sei”, di cui ha scritto la musica, mentre il testo è della stessa Cetty Costa (produttrice anche del videoclip), con cui la scrittrice chiudeva il suo primo libro. La serata è proseguita con l’intervista all’autrice e con le voci di Lorenzo Praticò e Rosanna Palumbo che hanno letto egregiamente degli estratti del libro, coinvolgendo il numeroso pubblico. E veniamo al libro stesso, dalla bella copertina con una foto della fotografa Silvia D’anna. Dopo il romanzo (semi)autobiografico “Il mio sesso viola”, stavolta Cetty Costa ha ideato un inno alla diversità di ogni essere umano, intesa come aspetto di cui arricchirsi e non di cui aver paura, solo perché a noi sconosciuto. Si tratta di una vera e propria seduta psicanalitica, una terapia di gruppo al cospetto nientemeno che di Sigmund Freud, di nove personaggi realmente esistiti, ognuno dei quali isolato o emarginato dalla società a causa del suo essere “differente” dai canoni consueti: da Mohammed Alì a Mia Martini, da Pierpaolo Pasolini a Alda Merini, da Rita Heyworth ad Anna Frank, da Michel Petrucciani a Veronica Franco, passando addirittura per…Gesù Cristo, ogni personaggio si racconta a Freud e così anche al lettore. L’idea è geniale, e la solitudine che accomuna tutti i personaggi , emarginati a causa delle loro differenti diversità, li rende davvero umani e vicini ad ognuno di noi. Del resto Cetty Costa (autrice anche dei disegni contenuti nel libro) è da sempre paladina dei più deboli e portavoce dei diritti di uguaglianza per tutti. Una sensibilità straordinaria che traspare dalle parole – scelte con cura e precisione – dell’autrice di questo libro che alla fine della serata è stato acquistato dalla stragrande maggioranza dei partecipanti all’evento.

Francesco Arcudi

Rispondi

*