Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

“L’umanità scalza”, premio a New York per la regia

0 comments

Ancora un successo per il cortometraggio “L’umanità Scalza – The Barefoot Humanity” (nella foto, un’immagine del film) diretto dal reggino Americo Melchionda che, al prestigioso New York Filmaker’s Festival, ha ricevuto il “Best directing Award” per la regia.

“E’ una grande emozione – dice il regista – essere il vincitore di uno dei premi più importanti in concorso, considerando anche che a New York c’è da sempre una rigida selezione tra centinaia di corti di altissimo livello provenienti da tutto il mondo”. Tra i sessanta in selezione ufficiale, dunque, anche il film girato in Calabria, prodotto dalla Ram Film, casa di produzione di Reggio Calabria, distribuito da Officine Jonike Arti con il patrocinio e il contributo della Presidenza del Consiglio Regionale della Calabria. “Un successo – continua Melchionda – che voglio condividere con gli attori Maria Milasi e Michele Lombardo e con tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione del corto”.

Come si diceva, un ennesimo successo per “L’umanità scalza”, già presente in più di venti Festival e attualmente in selezione sia nella sezione “Mostra internazionale di cortometraggio” al prestigioso Festival de Cine de Bogotà che, dal 10 al 18 ottobre, omaggerà Bernardo Bertolucci, sia all’Adana Golden Boll Film Festival, che avrà tra i giurati per i lungometraggi anche il regista Ferzan Ozpetek, ed infine, al Portobello Film Festival London, nella sezione New Italian Movie Showcase, vetrina del nuovo cinema Italiano.

“L’umanità Scalza”, che ha riscosso un grande consenso anche tra il numeroso pubblico presente alla proiezione del corto durante la settima edizione del Pentedattilo Film Festival, “è la storia di un’amicizia, un’amicizia tra una donna, Rosa, ed un uomo down, Pepè; è la favola di un bimbo mai nato che attraverso gli occhi di Pepè è reale come reali sono le fiabe; è la storia di un ritorno, e come ogni ritorno tutto apparentemente sembra immutato, anche i sentimenti, per poi invece accorgersi che inevitabilmente il tempo recide i legami e ci costringe a fare i conti con il nostro passato, in un modo o nell’altro.

Nel cast oltre a Maria Milasi che interpreta Rosa e Michele Lombardo, Pepè, ci sono anche Alessio Bonaffini, Alessio Praticò, Piero Molina, Francesca Barone, Saverio Longo, Michele Polimeni, Pasquale Cuzzola, Alessandro Spanò, Paolo Geria, Andrea Irto, Andrea Pulvirenti, Felice Ginestra. Musiche di Antonio Aprile e Luigi Sgamba. Fotografia di Antonio Scappatura, sceneggiatura di Emanuele Milasi”.

 

 

Rispondi

*