Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

“Il verme della mela”, romanzo di Achille Concerto

0 comments

Un percorso di vita, visto dalla parte di una donna. Un percorso che incrocia la storia, anni tormentati, anni di cambiamento. Un percorso in cui sentimenti, sensazioni, scelte si incrociano; in cui arrivano mutamenti, ma forse sono solo passaggi verso consapevolezze e non verso sconvolgimenti.

Tanti aspetti che caratterizzano “Il verme della mela”, romanzo con cui lo psichiatra reggino Achille Concerto tratteggia una protagonista, Angela, alla ricerca di sé stessa, e lo fa con uno stile sintetico, immediato, e naturalmente con profondità di analisi.

Una nuova opera – quella presentata alla libreria Culture di Reggio ed edita da Leonida – con cui Concerto (già autore di “Voci del deserto”, “Carlo V e l’uomo di Gand”, “La Torre”) dà vita, come evidenzia nella prefazione Francesca Rappoccio, a una donna che cresce con un desiderio di libertà. Che vuole afferrare il proprio io. Una donna ribelle e caparbia.  Insomma, una donna che impersona una ricerca, un percorso di conoscenza di sè. Un percorso in cui anche il luogo in cui si svolge diventa importante. Così come la realtà, la vita. Di cui il titolo è metafora esistenziale e attuale; metafora, appunto, di una realtà alla deriva, sottolinea ancora la Rappoccio.

“Ho voluto vedere un determinato punto di vista attraverso gli occhi di una donna”, rimarca Concerto. Una donna, la protagonista che, continua l’autore, “si confronta con tre generazioni, ma non si identifica con nessuna di esse. Nei suoi occhi si riflette, di volta in volta, un periodo storico particolare”. Il tutto, come si diceva, in un luogo che non è estraneo al racconto, ma anzi è parte di esso: “un paese – dichiara Concerto – che appartiene un po’ a tutti i sud”. Un luogo, un racconto, un percorso, tante epoche, che Angela attraversa, in maniera disincantata, assistendo al mutamento di una realtà che sta divenendo sempre più individualista, ma confrontandosi, in questo percorso, sia con il passato sia con il futuro.

Un percorso, molte storie, per un coinvolgente romanzo, che unisce storia, racconto e ricerca.

Rispondi

*