Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

“Il tormento e l’estasi creativa”: il racconto della storia d’amore tra Chopin e George Sand

0 comments

FullSizeRender_2All’insegna della creatività e dell’arte: questi gli obiettivi di breakinggood.it, il sito, ” gruppo creativo, microcosmo di personalità e professionalità”, tutto al femminile, nato dal sodalizio personale e professionale di Luigia De Seta – giornalista e pianista – e Ylenia Politano – giornalista e regista.

Un sito che “racconta storie di persone che seguono le proprie passioni e spesso le trasformano nel proprio lavoro, dando vita a sfide creative inaspettate”.

Testimonianze, storie e idee. Dal sito ai progetti artistici: domenica 15 gennaio, infatti, breakinggodd proporrà il primo di una serie di “incontri” teatrali sul tema della condivisione creativa. Creatività, arte, passione saranno, infatti, al centro de “Il tormento e l’estasi creativa”, “ovvero il racconto in musica (Chopin) e parole (George Sand) dell’amore tra il pianista e la romanziera, amore travagliato, spregiudicato per l’epoca e la società, ma fonte di grande ispirazione per i due artisti, che si amarono senza cedere alle critiche benpensanti del loro tempo”.

Ylenia Politano, Alessia Alciati, Luigia De Seta

Ylenia Politano, Alessia Alciati, Luigia De Seta

Una storia che ha sempre affascinato e che sarà portata in scena, alle ore 18, al Teatro Keiros di Roma, da Luigia De Seta al piano e Alessia Alciati, che interpreta George Sand, con la regia di Ylenia Politano, testi di Politano e De Seta.

Un percorso tra musica (con celebri composizioni di Chopin, come i Preludi op. 28 n. 1 e 17; Fantasia improvviso op. 66, i Notturni op. 2 n. 1 e 2; op. 37 n. 1 e op. 62 n.2; Ballata n. 1 op. 23; i Valzer op. 64 n. 2 e op. 69 n. 2 e lo Scherzo op. 53 n. 3) e teatro attraverso una storia di passione e arte, che costituisce, come si diceva, il primo di una serie di incontri teatrali: dopo Chopin e George Sand, i prossimi appuntamenti avranno come protagonisti Frida Kahlo e Lucienne Bloch, Johannes Brahms a Clara Wieck, Robert Mupplethorpe e Patty Smith, e molti altri.

 

Rispondi

*