Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

“Il malato immaginario”, una ricerca teatrale continua e innovativa

2 comments

Utilizzo di maschere e burattini, rimandi al vernacolo, scelte registiche e drammaturgiche innovative: tornano gli elementi che avevano già connotato la messa in scena, originalissima, de “L’avaro”, ma con una ricerca che continua, che ingloba sempre più i diversi elementi, in un racconto che si rinnova. La versione de “Il malato immaginario” proposta dal Teatro del Sangro nell’ambito della stagione Ospitalità di SpazioTeatro, si inserisce, dunque, nel percorso che Stefano Angelucci Marino aveva già intrapreso con il precedente spettacolo, di una ricerca  che riesce ad unire strumenti scenici differenti, linguaggi, testo classico e modernità. Integrando sempre più questi elementi, facendone un racconto sempre più fluido, con invenzioni sceniche che non smettono di sorprendere.

Dunque, un “Malato immaginario” in cui i personaggi in carne e ossa rimandano al teatro classico per i costumi e i movimenti, con l’utilizzo delle maschere che non è un “semplice” omaggio ad uno stile teatrale o un “vezzo”, bensì è strumento di racconto voluto e consapevole, frutto di studio e passione per la commedia dell’arte; ma il linguaggio – oltre che guardare alla modernità – include anche rimandi ad inflessioni o espressioni vernacolari – in questo caso anche di provenienze diverse – a sottolineare ancora una volta “contaminazioni” tra generi e stili, che si uniscono per raccontare sentimenti e storie universali.

Allo stesso modo si intersecano attori e burattini, in questo caso in maniera ancora più stretta, con una sinergia anche scenica che rende, come si diceva, tutto sempre più fluido e naturale: e, nella stessa ricerca e scelta scenica, si inseriscono anche gli ingressi di alcuni personaggi attraverso tagli nei teli che fanno da sfondo, permettendo di vedere solo parzialmente l’attore. Così, i personaggi restano ancora più misteriosi, scena e realtà si mescolano, finzione e verità si confondono, proprio come il regista (anche interprete, insieme a Tommaso Bernabeo e Rossella Gesini) sottolinea durante lo stesso spettacolo.

La verità e la finzione che diventano teatro, il teatro che le mette in scena: temi propri anche di autori contemporanei che, annuncia Angelucci Marino, saranno al centro della prossima ricerca.

  1. stefano angelucci marino scrive:

    grazie

  2. Di nulla, è sempre un piacere poter scrivere di spettacoli interessanti ed innovativi! Aspettiamo il prossimo!

Rispondi

*