Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

“Il Grinch”, la recensione della versione home video

0 comments

55614039_395052827711459_6188388110724759552_nIL GRINCH. Una fiaba tipicamente natalizia approda nelle case di tutti grazie alla versione home video di questo film d’animazione della Illumination (Cattivissimo me) edito da Universal Video. Il grinch è un essere antropomorfo verde, brontolone e dispettoso, doppiato da Alessandro Gassmann (mentre nella versione originale la voce è di Benedict Cumberbatch), che ha deciso di rubare il Natale agli abitanti della vicina cittadina. Ma l’incontro con una dolce ragazzina gli farà cambiare idea, iniettandogli nell’anima – inaridita da un’infanzia difficile – sentimenti di bontà e gentilezza. Come si evince dalla morale, pur essendo ambientato nel periodo natalizio, il messaggio del film è adatto a tutte le stagioni. Il bluray è tecnicamente impeccabile, sia per quanto riguarda il comparto audio che quello video, ma è inoltre arricchito da una serie di contenuti speciali imperdibili! Si parte con tre divertenti minifilm inediti: Il giallo fa tendenza (4 min.), Un inverno da cani (4 min.) e Piccoli aiutanti di Babbo Natale (4 min.), seguiti da uno speciale sulla realizzazione dei tre cortometraggi (6 min.). Particolarmente degni di nota sono anche i making of Da schermo (verde) a schermo (6 min.) e L’illuminazione ne Il Grinch (5 min.), i video musicali You’re a mean one, Mr. Grinch (2 min.) e I am the Grinch (3 min.), la sfiziosa mappa interattiva Chi è chi a Chissarà – uno storybook virtuale che approfondisce la conoscenza dei personaggi del film – e lo speciale Ogni Chissarà sa disegnare (7 min.), in cui l’artista della Illumination Mark O’Hare mostra agli spettatori come disegnare il Grinch, Max e Fred. Completano la sezione I miei primissimi ricordi de Il Grinch (3 min.), Gadget da Grinch (3 min.), Canzoni dal suo piccolo cuore (3 min.), Il Natale nel mondo (2 min.), Il ceppo natalizio di Cindy-Lou (8 min.) e Il piccoli della produzione (1 min). Un bluray imperdibile per grandi e piccini.

Francesco Arcudi

Rispondi

*