Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

I “Cromatismi d’estate” delle Muse

0 comments

senza-titolo“Le Muse”, il Laboratorio delle Arti e delle Lettere di Reggio Calabria riparte con la programmazione e lo ha fatto, sabato scorso, con il primo appuntamento targato estate 2018, con la classica serata dedicata alla presentazione del nuovo palinsesto.

Un gremitissimo “Cortile delle Muse in festa” ha visto la presenza di soci, amici e simpatizzanti dell’associazione che coinvolge, come ha ribadito più volte il presidente Giuseppe Livoti, “tutte le età dell’uomo”.

Un inizio istituzionale, con i saluti del dirigente dell’Istituto Comprensivo “Alvaro –Gebbione” Marisa Monterosso, la quale ha ribadito il ruolo della cooperazione tra diverse realtà nei territori e dunque anche “Le Muse”, promuovendo cultura, rientrano in quel quadro formativo utile alle nuove generazioni; presente anche il presidente del Consiglio Comunale di Staiti, Leone Campanella che ha portato i saluti del sindaco Giovanna Tripodi, presenza quella di Campanella, volta a sancire ancora una volta un gemellaggio con il  Laboratorio delle Arti e delle Lettere di Rc, anche nella programmazione dell’amministrazione comunale.

Consegnati gli attestati di partecipazione ai soci che hanno svolto attività nell’Anno Sociale 2017/2018 dalla Direttrice del Coro delle Muse Enza Cuzzola, dalla Direttrice del Laboratorio di Lettura Interpretativa Teresa Timpano ed dalla Direttrice Laboratorio in Vernacolo Clara Condello. Il presidente Giuseppe Livoti ha illustrato la tematica della programmazione, che ha, come leitmotiv, il cromatismo, ovvero l’evidenza particolare di alcune tematiche che accompagneranno gli appuntamenti fino ad ottobre, mese in cui si aprirà la nuova stagione culturale 2018/2019.

Un programma ricchissimo che vede presenti la città di Catanzaro con una mostra del maestro Pietro’ Pinnarò al Complesso Monumentale del San Giovanni, o la presentazione in collaborazione con la frazione di Oliveto e la comunità della parrocchia della Madonna della Consolazione del Dizionario della Lingua Reggina di Salvatore Ventura, grazie all’accoglienza del parroco don Armando Turoni – parroco della Chiesa di  Maria SS. della Consolazione, che sabato scorso ha mandato i suoi saluti  tramite la presenza  delle componenti del Consiglio Pastorale Angela Chilà e Maria Cristina Azzarà.

Cromatismi d’estate anche per i Notturni che tornano con lo storico Premio l’8 ed il 15 luglio al Cortile delle Muse mentre con il Comune di Staiti a Luglio si terrà una importante estemporanea di pittura su “Staiti: memorie architettoniche, fede e riti”, l’intitolazione della Piazza del Municipio al sindaco Saverio Monoriti ed ancora il ripristino dei vespri a Tridetti con il rito bizantino – cattolico.

Tante altre iniziative vedranno poi la collaborazione di Livoti con il Palizzi International Film Festival diretto dall’attore Giacomo Battaglia, e poi l’evento “Poeti sotto le stelle” a Motta San Giovanni così come presentato dal prof. Lillo Sergi – vice presidente “ass. Calarco III millennio”.

Anche importanti mostre d’arte come la collettiva in notturna, sui “Cromatismi vegetativi” ad Amantea con Marisa Scicchitano presidente  dell’Associazione Arte Club Accademia di Catanzaro.

Le Muse, a settembre, apriranno con il loro Coro diretto dal maestro Enza Cuzzola, il primo momento religioso per la Festa di Santa Maria del Divino Soccorso, quest’anno con un motivo in più: il cinquantesimo di sacerdozio di mons. Giorgio Costantino parroco del Soccorso e guida spirituale delle Muse. Sempre a settembre, una conversazione  sull’inedita commedia in due atti dello scrittore e regista Oreste Arconte dal titolo  “Padre Catanoso ed i sacerdoti del Cardinale Portanova”, il Laboratorio di Lettura Interpretativa di Teresa Timpano, oltre ad altre manifestazioni che si concluderanno il 26 ottobre con il Premio Lettere, Arte e Scienza per l’area dello Stretto Domenico Smorto voluto dalla referente Muse poesia dialettale Rossana Rossomando.

Rispondi

*