Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

Festival della Letteratura e del Diritto, al via il 27 aprile la quarta edizione

0 comments

festival-letteratura-e-dirittoGiunge alla quarta edizione il Festival della Letteratura e del Diritto: promosso dall’associazione “La Banda degli Onesti onlus” e ideato dal magistrato Antonio Salvati, si svolgerà dal 27 al 29 aprile.

L’iniziativa nasce a Palmi nel maggio del 2014. “Durante la manifestazione, giunta alla quarta edizione, – che si ispira a esperienze già affermate come quella del Festival del Diritto di Piacenza e del Festival della Filosofia di Modena – si affrontano tematiche giuridiche di ampio respiro partendo dalle opere di grandi autori della letteratura classica e contemporanea.

Parlare di giustizia attraverso una prospettiva ampia che abbraccia la narrativa, ma anche la musica, il cinema e ogni altra espressione artistica, coinvolgendo istituzioni universitarie e culturali di altissimo livello, dando vita a incontri aperti agli studenti delle scuole superiori e, più in generale, ai non addetti ai lavori, significa restituire al diritto il suo ruolo di aspirazione e bisogno profondamente umano”.

Il Festival della Letteratura e del Diritto “rappresenta, pertanto, innanzitutto una sfida contro un luogo comune, quello del diritto come materia tecnica e arida da contrapporsi alla viva e vitale letteratura: una sfida che viene lanciata puntando proprio alla vasta platea dei non addetti ai lavori. Una sfida oggi sicuramente vinta, alla luce dell’interesse e del successo registrato nelle passate edizioni.

Prova ne è anche il coinvolgimento degli studenti delle scuole superiori che partecipano alle varie sessioni dell’evento, dopo aver seguito diversi incontri preparatori. Il Festival rappresenta, pertanto, soprattutto per i più giovani, un modo diverso e alternativo di “vivere” la cultura.

Per la sua rilevanza sociale e scientifica, la manifestazione è stata insignita della Medaglia del Presidente della Repubblica”.

Come si diceva, il festival è promosso dall’associazione “La Banda degli Onesti onlus” ed “un contributo fondamentale nel coordinamento e indirizzo scientifico della manifestazione è dato dallo stabile coinvolgimento, come enti organizzatori, dell’Università degli Studi “Mediterranea” di Reggio Calabria e del Centro di Ricerca per l’Estetica del Diritto (CRED) diretto dal professore Daniele Cananzi”, e come partner, tra gli altri, il Centro Studi “Federico Stella” sulla Giustizia penale e la Politica criminale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si fregia, inoltre, del patrocinio dell’ISLL –Italian Society for Law and Literature e, da quest’anno, anche della collaborazione Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali presso l’ateneo reggino”.

Per la prima volta, “l’evento si “apre” al territorio prevedendo ben cinque eventi speciali in contemporanea, presso le città di Rosarno, Taurianova, Polistena, Cittanova e Cinquefrondi (che hanno patrocinato l’evento), con la collaborazione di vari istituti scolastici dei rispettivi comuni. Saranno oltre cinquecento gli studenti delle scuole superiori del territorio regionale, e anche di altre regioni italiane, che parteciperanno alle diverse sessioni del Festival e che, nel corso dell’anno scolastico, hanno partecipato a incontri di orientamento, momenti di riflessione e confronto, tenuti dal magistrato Antonio Salvati, sulle tematiche oggetto della manifestazione”.Venendo al programma di quest’anno, il tema sarà “Dei confini, dell’identità e di altri demoni. La diversità tra letteratura e diritto”, un tema che “si ispira al titolo del famoso libro dello scrittore colombiano Gabriel García Márquez, “Dell’amore e di altri demoni” e richiama l’attenzione sulla difficoltà di interpretare e dire cosa la diversità sia, e a quali significati essa si riferisca. La sua etimologia contiene una ricchezza che rischia di essere trascurata. Oltre al più semplice volgersi verso il lontano, la diversità indica ciò che è dissimile nella sua totalità, caratterizzandosi per essere qualcosa di altro non differente. Diversità è anche varietà, intesa come alternativa, come molteplicità. E, infine, è il vertere da, il mutare, il trasformare nella sostanza”.

Interessante è, quindi, “scoprire come la letteratura, con riferimento al giuridico e agli elementi che lo costituiscono e ne permettono la discussione, abbia affrontato e dibattuto il tema della riflessione di quest’anno e quanto dal dialogo tra letteratura e diritto si possa dire nelle varie direzioni”.Nel corso del Festival “non mancheranno momenti di approfondimento più innovativi, come il processo simulato a Oscar Wilde – difeso da un avvocato d’eccezione come Fabio Canino (attore, autore radiofonico, presentatore televisivo e scrittore) – e la conversazione sui confini con Moni Ovadia, attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore.

Di seguito, il programma del Festival:

Giovedì 27 aprile
ASPETTANDO IL FESTIVAL:
A CALL FOR PAPERS ore 9.30
Reggio Calabria, Aula Magna Facoltà di Giurisprudenza

Per il secondo anno consecutivo l’inizio dei lavori è preceduto da un’anteprima denominata Aspettando il Festival, durante la quale verranno presentati gli esiti di una call for papers lanciata dal CRED – Centro di Ricerca per l’Estetica del Diritto presso l’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria.

Nel corso di questo incontro i partecipanti alla call intervengono con i propri contributi.

Serena Minnella Università degli Studi di Reggio Calabria: Kaspar Hauser. L’impunito delitto contro l’anima dell’uomo

Mario Riberi Università degli Studi di Torino: Diversità, società e giustizia nelle opere di Benjamin Britten

Andrea Mastropietro Università degli Studi di Reggio Calabria: Chi sei? (Ma soprattutto) Chi sono? Questioni d’identità

Ida Ferrero Università degli Studi di Torino: Incontro, confronto e scoperta di sé attraverso il contatto con il diverso: note a margine di Viaggio alla fine del millennio di Abraham Yehoshua

Venerdì 28 aprile
I SESSIONE ore 9.30
Palmi, Casa della Cultura “L. Repaci”

Racconti di frontiera tra cinema, letteratura, diritto – Gennaro Carillo Università Suor Orsola Benincasa di Napoli

L’altro come ritorno nel canto degli aedi – Maria Paola Mittica Università “Carlo Bo” di Urbino – Coordinatrice Italian Society for Law and Literature

La diversità auto-ghettizzante: note sparse sul linguaggio del diritto – Salvatore Cosentino Magistrato, autore teatrale

La verità e le verità. Lo sguardo di Pirandello sul processo – Gaetano Silvestri Presidente emerito Corte Costituzionale – Presidente Scuola Superiore della Magistratura

Voce narrante Maria Grazia Comunale

II SESSIONE ore 16.30
Palmi, Aula bunker presso il Tribunale Penale PROCESSO A OSCAR WILDE

Giudice Vincenzo Piscitelli

Magistrato, Presidente dell’Associazione Astrea – Sentimenti di Giustizia

PM Antonio Salvati

Magistrato

Difensore Fabio Canino

Scrittore, autore radiofonico

Sabato 29 aprile
III SESSIONE ore 9.30
Reggio Calabria, Aula Magna Facoltà di Architettura Università “Mediterranea”

Le maschere nude: Pirandello e l’identità
Daniele Cananzi Università La Sapienza di Roma – Direttore CRED – Centro di Ricerca per l’Estetica del Diritto

Ogni persona è più persone in una. Il mercante di Venezia e l’impossibilità di ri(con)durre il diritto alla giustizia o viceversa – Eugenio Ripepe Università degli Studi di Pisa

Giustizia meridiana. Identità e sentimento del diritto nella letteratura meridionale – Tommaso Greco Università degli Studi di Pisa

Sabato 29 aprile ore 9.30
IL FESTIVAL ON THE ROAD: PERCORSI LETTERARI DI CONFINE

Introduzioni a cura di: Antonio Papalia, Marica Guerrisi, Giuseppe Màcino, Mimma Sprizzi, Clelia Condello

Rosarno, Auditorium Istituto d’Istruzione Superiore “R. Piria”
La Giustizia del Territorio e i protagonisti letterari della “dialettica dei confini”: Odisseo il greco, D’Artagnan il guascone, Baudolino il mandrogno
Alessandro Provera Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Taurianova, Auditorium “Macrì – Terranova” Istituto d’Istruzione Superiore “Gemelli Careri”
All’assalto dei confini di genere: le sfide delle scrittrici saudite tra tradizioni e modernità

Elvira Diana Università “D’Annunzio” di Chieti – Pescara

Polistena, Salone delle Feste Casa Comunale
La discriminazione su base razziale nell’opera di Shakespeare: giudizi e pregiudizi ancora attuali
Francesco D’Alessandro Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Cinquefrondi, Sala Consiliare Palazzo Municipale
Scrittrici eccentriche: generi e genealogie nella letteratura italiana della migrazione – Sonia Sabelli Università “La Sapienza” di Roma

Cittanova, Polo Solidale per la Legalità “Francesco Vinci”
Ai confini del diritto: il genocidio nel Ruanda narrato da Gil Courtemanche – Gabriele Della Morte Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Sabato 29 aprile ore 18.30
Palmi, Casa della Cultura “L. Repaci”

Incontro con Moni Ovadia
L’oscura ambivalenza del confine: da Franz Kafka al diritto delle migrazioni

Dubbi e domande a cura di Antonio Salvati

Pianoforte Daniele Ciullo
Béla Bartók – Suite per piano op.14 Allegro barbaro

Rispondi

*