Sottoscrivi RSS: Articoli | Commenti

“Downton Abbey – Una nuova era”, la recensione della versione home video

Commenti disabilitati

293717159_348106010822607_8290309875937478099_nDOWNTON ABBEY – Una nuova era. Il secondo capitolo cinematografico della famosa serie tv amata in tutto il mondo arriva in home video grazie a Universal. Il film diretto da Simon Curtis e scritto dal grande Julian Fellows continua laddove il primo episodio era finito, raccontando ancora una volta la vita della nobile famiglia inglese e dei suoi domestici nel 1928. La novità è rappresentata dalla duplice ambientazione, poiché una parte della famiglia si trasferisce in Costa Azzurra nella villa appena lasciata in eredità a Lady Violet da un suo vecchio spasimante, trasferta che rivelerà non poche sorprese. Mentre invece i personaggi rimasti nella villa inglese sono alle prese con una troupe cinematografica che ha scelto la ricca magione per girare un film. Mentre la servitù è altamente eccitata dalla presenza di due famosi attori dell’epoca, la produzione è alle prese con la crisi del cinema muto e l’avvento del sonoro (chiaro omaggio a “Cantando sotto la pioggia”). Tutto si concluderà nei modi piuttosto prevedibili a cui la saga ci ha abituati, non senza qualche momento di commozione e le solite deliziose battute del personaggio interpretato dalla sempre grandissima Maggie Smith. Pare che con questa nuova produzione si concluda definitivamente il percorso di “Downton Abbey”, una delle serie tv più viste nel mondo intero negli ultimi 10 anni. E se la regia di quest’ultimo lungo episodio non riserva grandi sorprese, la presenza degli attori a cui il pubblico si è affezionato (Hugh Boneville, Elizabeth McGovern, ecc. ) e di qualche new entry come Nathalie Baye e Dominic West e le sontuose scenografie e locations accontentano tutti gli aficionados della famiglia inglese. Nel Bluray sono presenti vari contenuti speciali come il commento audio del regista Simon Curtis, un mini backstage e varie featurette sulla realizzazione del film.

Francesco Arcudi

Commenti bloccati.